Imagines Mundi – Immagini del mondo di ieri e oggi

La carta del mondo secondo Hartmann Schedel

Rispolveriamo qualcosa di antico ed arcano che ha il sapore del tempo e del mito. Tra le mani srotoliamo un antico manoscritto, una mappa del sogno, e analizziamo in dettaglio quello che a prima apparenza può sembrare fantasia. Navighiamo tra le imagines mundi. Mappe del passato che riproducono echi perfino nell’attualità.

Un turista dell’anno mille (malgrado non esistesse) forse avrebbe  fatto capriole di gioia se tra le mani avesse avuto una mappa colorata, con sopra tracciati continenti amorfi in nomi poco comprensibili, dove linee bizzarre si interpenetrano come sentieri mistici, poco probabili e imprecisi. Ed infine un bel pesce-serpente di trenta tonnellate e grosso quanto mezza mano emerge dall’oceano della mappa, per farci soprassalire.

... maps from medieval and Renaissance times splash to life on the pages

Una mappa di questo genere a noi parrebbe più simile al disegnino di pastelli a cera fatto da nostra nipotina di cinque anni. Creato dalla sua fantasia di bambina d’asilo.

  • Cosa sono le imagines mundi?

Quello che contraddistingue un uomo medievale da quello contemporaneo è l’eccesso d’immaginazione. Per il pellegrino o viaggiatore medioevale, la mappa o il racconto era lo strumento che suscitava il meraviglioso. Le imagines mundi non sarebbero altro che enciclopedie o mappe che dovevano soddisfare il gusto per il fantastico e di conseguenza descrivere luoghi lontani e inaccessibili. La maggioranza dei viaggi medievali erano di fatto immaginari. Mappe e racconti erano scritti per la gran parte da persone che in quei luoghi non misero mai piede. Allora la forza della tradizione contava più dell’esperienza stessa.

Nell’attualità nessuno affiderebbe la propria fiducia ad una enciclopedia medievale e a delle mappe non attendibili e prive di fondamento scientifico. Eppure ci affidiamo ancora alle nostre tradizioni e ai pregiudizi del mondo così come la nostra controparte medievale. Quanti smentiscono con l’esperienza la tradizione?

Sebbene l’imagine mundi è cosa del passato qualcosa di lei vive nella nostra mente, in noi stessi e nello stereotipo che abbiamo dei luoghi e delle persone. L’uomo si affaccia a guardare l’acqua del lago e vede la sua essenza e temperamento rifrangersi. I tempi corrono, l’acqua cambia, ma la natura dell’umanità e i riflessi sono immutati.

Così  la tradizione, il riflesso dell’uomo, si dipana nel tessuto sociale di ogni epoca e luogo. I pregiudizi continuano ad esistere e vengono tramandati di bocca in bocca. La nostra immagine del mondo è abitata da miti, tradizioni e pregiudizi seppure non con la stessa forza e carica che nel medioevo.

E voi? Credete di avere un’immagine del mondo perfettamente chiara e oggettiva?

 

 

Annunci

2 commenti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...