Monterosso al mare: una giornata di mare e poesia

DESCRIZIONE DI UNA GIORNATA A MONTEROSSO:  MARE, MONTAGNE E POESIA

Monterosso.jpg

Una scarica di emozioni che ha un velo di magia, invisibile agli occhi, ma percepibile nel cuore. A Monterosso al mare ho sentito fendersi il cielo e nel mare ho visto aprirsi l’immensità, la vedevo rifrangersi nella brezza d’estate. Quando il treno si ferma e con esso addirittura il tempo, un’aura di allegria, d’aspettative e di speranze ti circonda come a qualunque visitante che si reca in un luogo mai visto prima d’ora.

Sai bene che devi scendere dal treno perché ormai l’attesa del tragitto è finita, bisogna dare spazio al viaggio. I corridoi in stazione vengono attraversati dai tuoi passi allegri in mezzo al trambusto dei turisti dispersi. La stazione conduce direttamente al mare, al mantello madreperlato che luccica.

Traluce un blu turchese in lontananza, un cristallo liquido composto da zaffiro e lapislazzuli si disperde nel golfo. Senti l’euforia che trepidante ti assale. Guardi fuori dall’uscita della stazione e finalmente il sole e la luce del mattino ti accarezzano. Vedi stagliarsi sagome di palme e alte montagne nell’orizzonte mediterraneo. Nella tranquillità estiva in un dì mattinale d’agosto il borgo ligure si sveglia poco a poco in un pulpito di vita tra quei caldi raggi di sole che ricoprono il paesaggio di tonalità pittoresche. Il verde è intenso. Le montagne lontane sono solitarie e si perdono tra le nuvole e la spuma. Le terrazze adibite alla coltivazione del vino, lungo la riviera, si vestono di sgargiante ruralità. L’essenza bucolica delle terrazze coltivate rende l’idillio più autentico. Perché alla fine è ciò che è autentico quello che cerchiamo. E a Monterosso al mare crediamo di aver trovato quel che cercavamo.

Monterosso 2.jpg

I turisti vengono schermati, il fascino di Monterosso è più vasto del formicolare di turisti. Tu, il mare e le montagne. Sei pronto a godere dell’acqua e dell’energia che trasuda dalla tranquillità estiva. Si sente la freschezza del giorno sulla pelle e si respira l’aria di montagna frammista a quella marina nei polmoni. Le case colorate e il borgo ci sono accanto con la loro vivacità. Il chiacchiericcio e gli odori dei forni e della focaccia appena sfornata ci seguono nella zona urbana e turistica mentre un po’ più distanti nel golfo sereno troviamo il silenzio e l’odore del sale.

Monterosso, la prima delle cinque terre, è la via d’accesso ai sentieri che conducono alle altre terre circostanti della riviera; un serpeggiare di sentieri e d’avventurose scampagnate tra mari e monti. E’ uno spettacolare teatro di bellezza naturale che conserva un carattere contemplativo oltre a quello ricreativo e ovviamente turistico. Il vascello dei sogni sosta per contemplare e perciò per ammirare e descrivere. Il vascello dei sogni si posa in un luogo per portare alla luce una poesia, una storia, un ricordo o una bellezza, s’accinge a descrivere il bello per il bello.

E a Monterosso, in questa incantevole cittadella, emeriti scrittori e molti altri personaggi illustri si lasciarono sedurre e dalla riviera trassero ispirazione. Gli scorci del mare, le spiagge e le montagne sono investiti da puro splendore. Ogni pensiero libero è avvolto dalla poesia e da parole elevate così come le montagne che circondano il mare. Lo scopo di questi luoghi è  quello di elevare la qualità dei tuoi pensieri e proprio questo è quello che i poeti e gli scrittori fanno. Si lasciano trasportare dal mare in ogni direzione.

Un celebre scrittore che passò molte estati in villeggiatura a Monterosso fu Eugenio Montale. Egli passò una gran quantità di tempo ad ammirare il mare e lo stupefacente paesaggio da cui s’ispirò. Una ben nota poesia del famoso scrittore è Ossi di Seppia.

Meriggiare pallido e assorto
presso un rovente muro d’orto,
ascoltare tra i pruni e gli sterpi
schiocchi di merli, frusci di serpi.

Nelle crepe dei suolo o su la veccia
spiar le file di rosse formiche
ch’ora si rompono ed ora s’intrecciano
a sommo di minuscole biche.

Osservare tra frondi il palpitare
lontano di scaglie di mare
mentre si levano tremuli scricchi
di cicale dai calvi picchi.

E andando nel sole che abbaglia
sentire con triste meraviglia
com’è tutta la vita e il suo travaglio
in questo seguitare una muraglia
che ha in cima cocci aguzzi di bottiglia.

-Ossi di Seppia di Eugenio Montale

 

Se ti è piaciuto l’articolo seguici anche su Facebook

 

Annunci

4 commenti

  1. Conosco benissimo la Liguria, e la ritengo un vero Paradiso in terra. Ricordo in particolare 2 paesi vicinissimi tra loro, Albenga e Alassio, che sono uno più bello dell’altro. Perfetti sia per viverci che per una vacanza di pochi giorni. Li conosci?

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...